Santi Patroni

mercoledì 18 novembre 2015

san pietro consacra san ermagora

San Pietro consacra San Ermagora alla presenza di San Marco (Cripta degli affreschi della basilica di Aquileia)

 

ERMAGORA, vescovo, e FORTUNATO, diacono, santi e martiri.

Celebrazione liturgica: 12 luglio

 

Scrive il Paschini: “Ermagora è il vescovo col quale comincia il catalogo episcopale di Aquileia e non c’è ragione di dubitare di questa testimonianza. Egli sarebbe vissuto forse verso la metà del sec. III e dopo di lui quel catalogo continua senza interruzione, nonostante qualche incertezza.
Oltre a questo, nulla sappiamo di sicuro a proposito del protovescovo. A tale mancanza intese supplire una diffusa leggenda che, formatasi già durante il sec. VIII, raggiunse la sua maturità durante il secolo seguente, non senza subire aggiunte e varianti nell’età posteriore.

Essa sorse e si sviluppò nell’intento di dare un’origine apostolica alla Chiesa di Aquileia e narra che l’evangelista s. Marco, inviato da s. Pietro ad evangelizzare l’Italia superiore, giunto ad Aquileia, vi incontrò un cittadino di nome Ermagora e, convertitolo al Cristianesimo, lo consacrò vescovo della città; anzi, secondo una variante, lo condusse a Roma, dove s. Pietro in persona lo consacrò. Mentre s. Marco sarebbe stato inviato ad evangelizzare Alessandria, s. Ermagora sarebbe stato inviato ad Aquileia ed avrebbe evangelizzata quella città e le regioni circonvicine. Egli vi avrebbe conclusa la sua missione con il martirio durante la persecuzione suscitata da Nerone e compagno gli sarebbe stato il suo diacono Fortunato.

La loro memoria fu celebrata al 12 luglio, data nella quale sono ricordati anche nel Martirologio Romano, nella Chiesa di Aquileia ed in altre Chiese.

Nelle diverse redazioni nelle quali ci fu tramandato il Martirologio Geronimiano, i due martiri sono notati sempre sotto quella stessa data; ma è assai notevole che al primo posto sia ricordato Fortunato, anzi, in qualche esemplare dello stesso Martirologio si legge soltanto il suo nome.

Ci sorprende inoltre che Venanzio Fortunato nel sec. VI ricordi due volte s. Fortunato in Aquileia: una volta nella Vita di s. Martino: “Ac Fortunati benedictam urnam”, un’altra volta in Miscellanea : “Et Fortunatum fert Aquileiam suum”.
Doveva essere perciò un martire assai celebrato; invece Venanzio non fa cenno di Ermagora.

Finalmente, nel Martirologio citato, accanto a Fortunato, è ricordato il secondo martire col come così deformato: Armageri, Armagri, Armigeri, secondo i diversi codd. Che questo martire, che non è però qualificato col titolo di vescovo, sia il nostro Ermagora, non pare sia da dubitare, e che il suo nome, tutt’altro che comune, possa essere stato storpiato dai copisti, non sorprende coloro che hanno qualche familiarità col Geronimiano; sorprende invece che sia messo nel secondo posto.

Ma la spiegazione di questa anomalia potrebbe aversi nel fatto che l’estensore del Martirologio trovò in un antico elenco di martiri (o forse nello stesso Venanzio Fortunato) il nome dell’aquileiese Fortunato e vi aggiunse quello del primo vescovo aquileiese, che doveva essergli assai meno noto. Ma c’è dell’altro: nello stesso Geronimiano troviamo, sotto il 22 o 23 agosto, ricordati per Aquileia: “sanctorum Fortunati Hermogenis”, questo secondo nome deformato anche in Hermogerati, Ermodori. Pare però evidente che questo Ermogene non è che una ripetizione di Ermagora; infatti già gli antichi Bollandisti avevano pensato ad una identificazione dei due gruppi”.

I due santi sono i Patroni principali delle Arcidiocesi di Gorizia e Udine e della regione Friuli Venezia Giulia.