Catechesi e Liturgia: l’azione simbolico-rituale inizia alla vita della Chiesa

martedì 31 luglio 2018

Come è ormai tradizione per la nostra diocesi anche quest’anno ci troveremo insieme per condividere la tre giorni di formazione, di confronto e di attività in forma laboratoriale.
Una delle grandi sfide che dobbiamo affrontare nell’iniziazione cristiana è la formazione all’azione simbolico-rituale della Chiesa. Si tratta di valutare se e in che modo i bambini e i ragazzi “nativi digitali” sono capaci di fare propri i linguaggi della liturgia e, allo stesso tempo, curare un’iniziazione cristiana adeguata alle varie tappe della vita.
Infatti, si avverte sempre più la necessità di riscoprire il linguaggio simbolico-rituale, che la nostra cultura contemporanea sembra non essere più in grado di trasmettere. Occorre recuperare e rilanciare i codici comunicativi ed espressivi della fede. Fa parte della nostra esperienza diretta il fatto che i bambini e i ragazzi, ma anche giovani e adulti, non sono più in grado di riconoscere i segni base della fede: il segno della Croce, le preghiere, i luoghi della fede, le feste cristiane, ecc. È chiaro che un ripensamento dell’iniziazione cristiana non può non considerare questi aspetti; soprattutto ha la necessità di riscoprire la celebrazione liturgica. Nel fare questo dobbiamo coinvolgere sempre più le famiglie e le comunità, altrimenti il rischio è l’inutilità della nostra azione iniziatica.
Ce lo siamo detti più volte, l’iniziazione cristiana non è solo il momento di catechesi, fatto in un’ora scarsa durante la settimana, ma è un’esperienza di vita cristiana, dove si vive la fraternità e il servizio, e non può mancare un’introduzione alla preghiera, la quale mi porta gradualmente a accedere all’Eucarestia come momento culminante della vita del cristiano.
Da tutto questo, si comprende l’importanza del tema scelto per questa occasione di formazione rivolta ai parroci e diaconi, a catechisti/e e educatori/trici impegnati nell’educazione alla fede dei fanciulli, dei ragazzi, dei genitori e degli adulti.

Il programma
Parrocchia Maria Annunziata
di Romans d’Isonzo
(Ricreatorio Galupin)

Lunedì 27 agosto
17.45 Iscrizioni e accoglienza
18.15 Preghiera presieduta dall’Arcivescovo di Gorizia Mons. Carlo Maria Redaelli
18.25 Presentazione del percorso formativo, fra Luigi Bertié
18.35 Le celebrazioni negli itinerari di catechesi: passaggi e consegne

Prima parte laboratorio di studio
Fra Giuliano Franzan ofm cap, liturgista e psicologo

20.00 Pausa cena
20.30 Seconda parte del laboratorio di studio
22.15 Preghiera conclusiva e saluti

Martedì 28 agosto
18.00 Accoglienza e preghiera
18.30 Preparare e celebrare le liturgie con i ragazzi: le diverse ministerialità

Prima parte del laboratorio di studio
Don Mirco Miotto, direttore dell’Ufficio Liturgico della diocesi di Vittorio Veneto

20.00 Pausa cena
20.30 Seconda parte del laboratorio di studio
22.15 Preghiera conclusiva e saluti

Mercoledì 29 agosto
18.00 Accoglienza e preghiera
18.30 Didattica del simbolo: come rapportare esperienza umana e proposta cristiana

Prima parte del laboratorio di studio
Dott.ssa Michela Soligo, vicedirettice dell’Ufficio Catechistico della diocesi di Concordia-Pordenone

20.00 Pausa cena
20.30 Seconda parte del laboratorio di studio
22.15 Preghiera conclusiva e saluti

Iscrizioni
Le iscrizioni possono essere effettuate per e-mail: catechistico@arcidiocesi.gorizia.it oppure tramite modulo elettronico dal sito www.arcidiocesi.gorizia.it/catechistico.
È possibile iscriversi fino al 22 agosto 2018. La quota di partecipazione è di euro 25.00.

fra Luigi Bertié