L’annuncio del Vangelo compito di tutta la Chiesa

venerdì 23 agosto 2019

Nella Lettera Pastorale “…Anch’io mando voi”, l’arcivescovo Carlo Roberto Maria Redaelli, citando papa Francesco, invitava a vivere la visita pastorale nel segno dell’annuncio: «Solo se la visita pastorale avrà contribuito ad avviare nella nostra diocesi “una nuova tappa evangelizzatrice”, avrà raggiunto il suo scopo».

Questo obiettivo sarà oggetto di riflessione e di confronto nella tradizionale tre giorni di formazione che si terrà a Romans dal 26 al 29 agosto presso il Ricreatorio Galupin. L’evento, organizzato dall’Ufficio Catechistico della Diocesi di Gorizia, sarà in collaborazione, oltre che con il Centro Pastorale Diocesano, l’Ufficio Liturgico Diocesano e la Parrocchia S. Maria Annunziata di Romans d’Isonzo, con NET, progetto di formazione e apostolato che da anni svolge un servizio di formazione per parrocchie e diocesi italiane.

Fin dall’inizio della sua vita pubblica, Gesù invita i suoi primi amici perché stessero con Lui, rivela loro pazientemente il mistero della sua Persona e il regno di Dio, attende attivamente la loro risposta di fede e li invita a evangelizzare. A questi suoi discepoli consegna uno statuto e un programma di vita e anche il contenuto e la metodologia della loro azione missionaria. La Chiesa, dunque, nasce dall’azione evangelizzatrice di Gesù e dei Dodici e ha coscienza che la sua identità e la sua vocazione è evangelizzare. «La Chiesa è per sua natura missionaria: nasce dalla missione e vive per essa».

Questi ultimi anni hanno segnato l’avvio di un nuovo periodo per la catechesi italiana, di cui pochi sono ancora per il momento consapevoli. Si parla di svolta missionaria. Cioè siamo ora chiamati a riscoprire la capacità missionaria di proporre la fede a chi non ha ancora incontrato il Signore Gesù. La svolta missionaria di tutta la pastorale e della catechesi è la vera sfida nuova che si apre davanti a noi. «Il catechista, di conseguenza, non può dimenticare, soprattutto oggi in un contesto di indifferenza religiosa, che la sua parola è sempre un primo annuncio. Pensate bene questo: in questo mondo, in quest’area di tanta indifferenza, la vostra parola sempre sarà un primo annuncio, che arriva a toccare il cuore e la mente di tante persone che sono di attesa di incontrare Cristo. Anche a loro insaputa, ma sono in attesa» (Papa Francesco).

Da tutto questo, si comprende l’importanza del tema scelto per questa occasione di formazione rivolta ai parroci e diaconi, a catechisti/e e educatori/trici impegnati nell’educazione alla fede dei fanciulli, dei ragazzi, dei genitori e degli adulti.

 

IL PROGRAMMA DELLE TRE GIORNATE

Parrocchia Maria Annunziata di Romans d’Isonzo (Ricreatorio Galupin)

Lunedì 26

– 17:45 Iscrizioni e accoglienza

– 18:15 Preghiera iniziale

– 18:25 Presentazione

– 18:35 Il profilo del catechista come evangelizzatore

Monica Siorpaes Gandin

– 20:00 Cena

– 20:30 Testimoni, non maestri: un incontro tipo

Monica Siorpaes Gandin

– 21:45 Preghiera conclusiva e saluti

 

Martedì 27

– 18:00 Accoglienza e preghiera

– 18:30 Come gestire un gruppo di bambini e come comunicare con loro: nozioni di psico-pedagogia

Carla Manfreda Intra Sidola

– 20:00 Cena

– 20:30 I genitori: la sfida dell’evangelizzazione

  1. Andrea Giustiniani, L.C.

– 21:45 Preghiera conclusiva e saluti

 

Mercoledì 28

– 17:45 Accoglienza e preghiera

– 18:15 Dinamiche di gruppo per l’evangelizzazione

Monica Siorpaes Gandin

– 19:10 Le false immagini di Dio e gli errori nell’evangelizzazione

Emanuele Pica

– 20:00 Cena

– 20:30 Chiamati alla missione!

Monica Siorpaes Gandin

– 21:45 Preghiera conclusiva e saluti

 

Le iscrizioni possono essere effettuate per e-mail: catechistico@arcidiocesi.gorizia.it oppure tramite modulo elettronico dal sito www.arcidiocesi.gorizia.it/catechistico.

È possibile iscriversi fino al 22 agosto 2019.

La quota di partecipazione è di euro 25.00.

fra Luigi Bertié