Dichiarazione dell’Arcidiocesi di Gorizia

sabato 25 luglio 2020

L’Arcidiocesi di Gorizia ribadisce la propria fiducia nell’operato della magistratura in merito alle indagini in corso sulle tragiche circostanze che hanno portato alla morte di Stefano Borghes.

Nel rinnovare la vicinanza affettuosa alla famiglia di Stefano, l’Arcidiocesi ribadisce, inoltre, la propria fiducia nell’operato degli animatori direttamente coinvolti nella tragica vicenda ed il ringraziamento a tutti gli animatori che, con la loro disponibilità, competenza e dedizione, si sono messi a servizio di tante famiglie e dell’intera comunità permettendo lo svolgimento dei Centri estivi in tante parrocchie della diocesi in un anno particolare come quello che stiamo vivendo segnato dall’emergenza Covid-19.